Photography Accessories, lenses, tripods ...
Discussion Last answer Replies / Clicks
xxx

Home Staging – A golden key of empty properties

Originally, the word “stage” is mainly known as the process of selecting, designing, adapting to, or modifying the performance space for a play or film. However, with the development of society, the word stage was used for real estate field as well. The “Staging” concept for real estate was pioneered and created by Barb Schwarz in 1985. The purpose of staging for play or film is to create a variety of concepts for the play. Similar to that, home staging means rearrange or set up the furniture to display the property to its full potential so that it can attract potential buyers. According to Mrs Schwarz, the investment in home staging will always be less than the first price reduction if the house is staged appropriately and priced correctly. Besides that, statistics have shown that staged homes spend 80% less time on the market than non-staged homes and sell on an average of 17% higher than an un-staged home.
With the benefits brought by home staging, the demand for it was rapidly increased. However, to stage the house professionally, it is essential to hire a professional stager. And the cost is a problem for small agents. For example, a standard two-bedroom home or unit starts at around $2,000 for a five-week period. A larger five-bedroom home with two lounges will be around $3,000 for a five-week period. With such a high price for hiring a professional stager, many realtors couldn’t afford it. They need something much cheaper. And that is when Virtual Staging was born.

What is virtual staging?

Sharing the same purpose of making empty rooms furnished beautifully, virtual staging is applied by adding computer-generated furniture into the photos of empty properties without any actual changes.

Why should use Virtual Staging?

Sharing the same benefits and potential development, Virtual Staging contains some preeminent advantages over Physical staging
• Affordable price: Virtual staging is done 100% off side by using computer-generated furniture to add into photos of vacant rooms. Therefore you don’t need to pay for rental fee, storage unit fee or extra fee. Just need to pay one-time fee then you can use those photos to marketing for your property. A photo of a room can be digitally staged for about $65 to $75. It is extremely cheaper than physical staging is
• Flexible style: as in physical staging, it is very complicated to change the style once it is set. However with virtual staging, it is super easy. Virtual stagers can change the styles as many as you want through some mouse clicks. And the fee is not too much too.
• Time & labor saving: virtual staging can be done by one or two designers. And they can stage virtually the property within 24 hours depends on the numbers of photos you want. Comparing to physical staging, it can take you 2-3 days to finish it all.
Conclusion: Both traditional home staging and virtual staging are created with the purpose of helping sell home fast with high price. Each type of home staging has it own pros and cons. So let be wise when you are considering applying home staging.

Read more about Virtual Staging: https://goo.gl/H8qyed
See some samples here: https://goo.gl/T5zepG
15.06.18, 06:15
Originally, the word “stage” is mainly known as the process of selecting, designing, adapting to, or modifying the performance space for a play or film. However, with the development of society, the word stage was used for real estate field as well. The “Staging” concept for real estate was pioneered and created by Barb Schwarz in 1985. The purpose of staging for play or film is to create a variety of concepts for the play. Similar to that, home staging means rearrange or set up the furniture to display the property to its full potential so that it can attract potential buyers. According to Mrs Schwarz, the investment in home staging will always be less than the first price reduction if the house is staged appropriately and priced correctly. Besides that, statistics have shown that staged homes spend 80% less time on the market than non-staged homes and sell on an average of 17% higher than an un-staged home.
With the benefits brought by home staging, the demand for it was rapidly increased. However, to stage the house professionally, it is essential to hire a professional stager. And the cost is a problem for small agents. For example, a standard two-bedroom home or unit starts at around $2,000 for a five-week period. A larger five-bedroom home with two lounges will be around $3,000 for a five-week period. With such a high price for hiring a professional stager, many realtors couldn’t afford it. They need something much cheaper. And that is when Virtual Staging was born.

What is virtual staging?

Sharing the same purpose of making empty rooms furnished beautifully, virtual staging is applied by adding computer-generated furniture into the photos of empty properties without any actual changes.

Why should use Virtual Staging?

Sharing the same benefits and potential development, Virtual Staging contains some preeminent advantages over Physical staging
• Affordable price: Virtual staging is done 100% off side by using computer-generated furniture to add into photos of vacant rooms. Therefore you don’t need to pay for rental fee, storage unit fee or extra fee. Just need to pay one-time fee then you can use those photos to marketing for your property. A photo of a room can be digitally staged for about $65 to $75. It is extremely cheaper than physical staging is
• Flexible style: as in physical staging, it is very complicated to change the style once it is set. However with virtual staging, it is super easy. Virtual stagers can change the styles as many as you want through some mouse clicks. And the fee is not too much too.
• Time & labor saving: virtual staging can be done by one or two designers. And they can stage virtually the property within 24 hours depends on the numbers of photos you want. Comparing to physical staging, it can take you 2-3 days to finish it all.
Conclusion: Both traditional home staging and virtual staging are created with the purpose of helping sell home fast with high price. Each type of home staging has it own pros and cons. So let be wise when you are considering applying home staging.

Read more about Virtual Staging: https://goo.gl/H8qyed
See some samples here: https://goo.gl/T5zepG
584 clicks
Matteo Mauro

Domande su Comportamento Fotografo

Ciao, buonasera.
Il comportamento del tuo fotografo non è certo la quintessenza della professionalità, tuttavia, dal punto di vista giuridico si è comportato secondo norma di legge.
Partendo dal fatto che i file digitali sono assimilati ai negativi fisici, ne segue che:

1) E' corretto che gli originali vengano custoditi presso lo studio del fotografo, sempre nel rispetto delle norme sulla privacy (non puo' avvenire pubblicazione senza assenso).
2) E' corretto che il committente non pretenda la consegna incondizionata di tali originali, ma la richieda a fronte di un giusto compenso.
3) E' corretto che il fotografo non consegni gli originali "di default", ma dia la possibilita' di riscattare la quota di "proprieta'" del committente.
4) Conseguentemente, sono invece sbagliate le posizioni sia del committente che pretende la consegna su sola richiesta, come anche del fotografo che si rifiuti, ad ogni costo, di consegnarli.

Queste indicazioni valgono IN ASSENZA di ACCORDI espliciti sulla disponibilita' degli originali. Se esistono scritture di accordi interpersonali, valgono tali accordi.


Esiste una sentenza della Corte di Cassazione che si e' pronunciata in tal senso, con sentenza del 28/6/1980 n. 4094: la proprieta' dei negativi di ritratto e di cerimonie come matrimonio e simili e' del fotografo, e non del committente.

Suprema corte di Cassazione civile, sez I, 28/06/1980 n. 4094, reperibile - fra gli altri - in Giust. civ. Mass. 1980, fasc. 6. Foro it. 1980, I, 2121, Giust. civ. 1980, I, 2101, che recita: "Nell'ipotesi di ritratto fotografico eseguito su commissione, regolata dall'art. 98, I. 22 aprile 1941 n. 633 sul diritto d'autore, il committente, diversamente da quanto stabilito dall'art. 88 comma 3 di detta legge per le fotografie di cose in suo possesso, non acquista il diritto esclusivo di utilizzazione della fotografia, il quale rimane al fotografo, pur concorrendo con quello della persona fotografata o dei suoi aventi causa di pubblicare e riprodurre liberamente la fotografia medesima, salvo il pagamento al fotografo di un equo corrispettivo nel caso che la utilizzino commercialmente. Nell'ipotesi indicata, pertanto, ove manchi un diverso patto, deve ritenersi che il fotografo conserva la proprieta' del negativo e non e' tenuto a consegnarlo al committente."

Tuttavia, dato che il committente (o comunque le persone ritratte) conserva la facolta' di usare tali immagini (come determinato dall' art. 96 legge 633/41), ecco che esiste anche in capo a loro - cioe' al committente del ritratto - un diritto a usare tali originali.

Questo significa che gli originali del servizio ( ritratto, foto tessera, book, matrimonio, ecc ecc ) - in assenza di patti scritti - restano correttamente al fotografo (vedi sopra), il quale, tuttavia, su richiesta e dietro pagamento deve consegnare gli originali al committente che li voglia riscattare.

Dal canto suo, il committente NON ha titolo per pretendere tali originali (o i files) senza pagare un apposito e congruo compenso.

Saluti

Vincenzo
14.12.17, 22:34
Ciao, buonasera.
Il comportamento del tuo fotografo non è certo la quintessenza della professionalità, tuttavia, dal punto di vista giuridico si è comportato secondo norma di legge.
Partendo dal fatto che i file digitali sono assimilati ai negativi fisici, ne segue che:

1) E' corretto che gli originali vengano custoditi presso lo studio del fotografo, sempre nel rispetto delle norme sulla privacy (non puo' avvenire pubblicazione senza assenso).
2) E' corretto che il committente non pretenda la consegna incondizionata di tali originali, ma la richieda a fronte di un giusto compenso.
3) E' corretto che il fotografo non consegni gli originali "di default", ma dia la possibilita' di riscattare la quota di "proprieta'" del committente.
4) Conseguentemente, sono invece sbagliate le posizioni sia del committente che pretende la consegna su sola richiesta, come anche del fotografo che si rifiuti, ad ogni costo, di consegnarli.

Queste indicazioni valgono IN ASSENZA di ACCORDI espliciti sulla disponibilita' degli originali. Se esistono scritture di accordi interpersonali, valgono tali accordi.


Esiste una sentenza della Corte di Cassazione che si e' pronunciata in tal senso, con sentenza del 28/6/1980 n. 4094: la proprieta' dei negativi di ritratto e di cerimonie come matrimonio e simili e' del fotografo, e non del committente.

Suprema corte di Cassazione civile, sez I, 28/06/1980 n. 4094, reperibile - fra gli altri - in Giust. civ. Mass. 1980, fasc. 6. Foro it. 1980, I, 2121, Giust. civ. 1980, I, 2101, che recita: "Nell'ipotesi di ritratto fotografico eseguito su commissione, regolata dall'art. 98, I. 22 aprile 1941 n. 633 sul diritto d'autore, il committente, diversamente da quanto stabilito dall'art. 88 comma 3 di detta legge per le fotografie di cose in suo possesso, non acquista il diritto esclusivo di utilizzazione della fotografia, il quale rimane al fotografo, pur concorrendo con quello della persona fotografata o dei suoi aventi causa di pubblicare e riprodurre liberamente la fotografia medesima, salvo il pagamento al fotografo di un equo corrispettivo nel caso che la utilizzino commercialmente. Nell'ipotesi indicata, pertanto, ove manchi un diverso patto, deve ritenersi che il fotografo conserva la proprieta' del negativo e non e' tenuto a consegnarlo al committente."

Tuttavia, dato che il committente (o comunque le persone ritratte) conserva la facolta' di usare tali immagini (come determinato dall' art. 96 legge 633/41), ecco che esiste anche in capo a loro - cioe' al committente del ritratto - un diritto a usare tali originali.

Questo significa che gli originali del servizio ( ritratto, foto tessera, book, matrimonio, ecc ecc ) - in assenza di patti scritti - restano correttamente al fotografo (vedi sopra), il quale, tuttavia, su richiesta e dietro pagamento deve consegnare gli originali al committente che li voglia riscattare.

Dal canto suo, il committente NON ha titolo per pretendere tali originali (o i files) senza pagare un apposito e congruo compenso.

Saluti

Vincenzo
1,761 clicks
To the
top